La green economy sconfiggerà la crisi

Le aziende lombarde saranno uscite dalla crisi degli ultimi anni in modo del tutto innovativo: riducendo la dipendenza del sistema energetico e dei consumi dalle fonti fossili, investendo in infrastrutture per il trasporto su ferro delle merci, sviluppando innovazione e ricerca che portino ad una trasformazione del sistema economico mettendo sul mercato nuovi prodotti e nuove tecnologie, riducendo l’uso di materie prime e utilizzando sempre più materie prime seconde derivate dalla raccolta e riciclaggio dei materiali. Sarà spostato il prelievo fiscale dall’impresa e dal lavoro al consumo di risorse: cambiando, ad esempio, il bollo auto in tassa sulle emissioni di CO2.  Gli investimenti per le  infrastrutture saranno destinati al completamento e revisione delle reti e della depurazione delle acque, alla sicurezza idraulica e geologica dei territori, ad una rete elettrica idonea alla generazione rinnovabile e distribuita.

Condividi sui tuoi social network!
    Taggato con:
    Pubblicato in Green Economy
    3 commenti su “La green economy sconfiggerà la crisi
    1. Dome_nick ha detto:

      La green economy è una grande opportunità in questo momento per il nostro paese.
      Molti paesi d’Europa, avendo investito su politiche e azioni green hanno avuto modo di riformare l’economia e far fronte alla crisi. Basti vedere i paesi del nord come Germania, Danimarca e Svezia.
      In questi paesi la riconversione industriale verde, ha fatto si che molte aziende abbiano riconvertito il loro business, facendo fronte alla crisi.
      In questi paesi casi come l’Ilva e Sulcis sono stati considerati come un’opportunità di rilancio piuttosto che un dramma.

      Quindi la green economy in Italia puo rappresentare un volano per la ripresa

    2. isaacscaramella (moderatore) ha detto:

      Il fatto che esistano degli esempi da seguire, come giustamente dici tu, deve da un lato rassicurarci, farci pensare che non stiamo parlando sul nulla, ma di un vero modello alternativo di economia, allo stesso tempo però deve metterci un po’ di sana pressione.
      Mi spiego meglio: il momento storico in cui serve fare questa svolta “green” dell’economia è ora, non possiamo permetterci di perdere il treno.
      La domanda quindi è: cosa può fare la Regione Lombardia, da marzo in poi, per non farci mancare l’appuntamento?

    3. mari aloe ha detto:

      La Green Economy è un approccio diverso alla realizzazione del profitto economico, perché considera la tutela del valore ambientale come una premessa imprescindibile alle attività sociali e industriali.
      Non rappresenta però solo la via per uscire dalla crisi economica attuale e non rappresenta soltanto un modo alternativo di concepire la crescita che ci aspetta nei prossimi anni; è un comportamento virtuoso, che nasce dal cittadino, prima di tutto, consapevole dei propri diritti e in grado di scegliere, in ogni momento della propria vita, cosa fare per godere di un ambiente più sano.
      Significa scegliere la bicicletta e i mezzi pubblici, anziché l’auto, quando lo spostamento è di breve distanza; significa sapere scegliere quali prodotti comprare per le necessità quotidiane, oppure, più semplicemente, significa partecipare a tutti i processi di decisione che riguardano la vita comune in maniera critica.
      Ecco, forse è proprio l’ultimo esempio, nella sua semplicità, ad essere il più difficile da attuare. Perché il cittadino, per poter essere parte dei procedimenti di decisione e per poter controllare le attività della pubblica amministrazione, deve essere informato… e non rincorrere l’informazione per scoprire, a giochi fatti, che non si può più tornare indietro.
      E questo si riflette inevitabilmente nelle scelte industriali e nella scelta di una strategia energetica vincente.
      Mi aspetto dalla nuova Lombardia gli strumenti per poter essere parte di ogni processo di decisione, che riguarda lo sviluppo economico e sostenibile del mio territorio, e di essere informata per controllare l’operato del decisore politico sia come singolo cittadino sia come associazione. Vorrei che ci fossero le condizioni per partecipare a grandi dibattiti pubblici, esattamente come avviene in tutti i paese dell’UE che discutono di applicare la green economy.

    sito realizzato da